NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Servizi Acli

Stampa

Colf: pubblicati i nuovi minimi contrattuali 2017

Scritto da Sergio Delpiano. Postato in Collaboratrici domestiche, assistenti familiari

Ho assunto un’assistente familiare per mia nonna agli inizi del 2016. Ho sentito che sono stati pubblicati i nuovi minimi che cosa vuol dire?

Anche le retribuzioni delle lavoratrici domestiche sono soggette a minimi contrattuali: per ogni categoria di lavoratore, assegnata sulla base delle mansioni svolte all’interno della famiglia, viene individuata una “Tabella” di riferimento, che individua il livello minimo che deve essere corrisposto alla lavoratrice, e sotto il quale la retribuzione viene considerata “insufficiente” e “inadeguata”.

 

Stampa

Bonus 80 euro: escluse colf, badanti e incapienti

Scritto da Luca Maggia. Postato in Collaboratrici domestiche, assistenti familiari

Il bonus IRPEF di 80 euro approvato dal governo Renzi per i lavoratori dipendenti e i collaboratori assimilati che hanno un reddito tra gli 8.000 e i 24.000 euro l'anno, non riguarderà i lavoratori il cui datore di lavoro non è un sostituto d'imposta, come le badanti e le colf, e quei lavoratori "incapienti", cioè coloro che dichiarano redditi inferiori a 8.000 euro e per i quali le detrazioni da lavoro azzerano quindi l'imposta. 

"Un intervento che - afferma Raffaella Maioni, responsabile nazionale Acli Colf - lascia fuori molte delle fasce oggi più bisognose di sostegno e che, per quanto riguarda il nostro settore specifico, sicuramente non riconosce il lavoro domestico come un vero lavoro escludendo circa un milione di lavoratori dal vedersi riconoscere un diritto al pari dei colleghi di altri settori professionali".

"Quello domestico - aggiunge Maioni - è una colonna portante del nostro welfare, che sostiene la vita quotidiana di migliaia di famiglie, settore che deve dunque essere sostenuto proprio perchè la crisi attuale sta facendo scivolare nuovamente tale settore nell'economia sommersa, nell'invisibilità delle convenienze al ribasso, nelle illegalità".

"L'auspicio - conclude - è che il governo Renzi riconosca che il lavoro di cura merita maggiore considerazione e rispetto, e che pertanto provveda a riconoscere un bonus anche ai lavoratori domestici, quanto meno attraverso la dichiarazione dei redditi".