Stampa

Il Servizio Civile Nazionale presso le ACLI

Scritto da Servizio Civile. Postato in Servizio civile

A partire dal 1° Aprile 2014, presso la sede di Biella delle ACLI sono stati attivati due progetti di Servizio Civile  Nazionale, dopo la selezione hanno preso servizio due volontarie, Mariachiara che lavora sul progetto "Il Mondo che Vorrei" e Letizia per il progetto "Saranno Famosi".

 

Progetto “Il mondo che vorrei”

Un breve estratto.

Il progetto di Servizio Civile Nazionale denominato “Il mondo che vorrei”, promosso dalle ACLI e finanziato dal Presidenza dei Ministri, Dipartimento della gioventù e del Servizio Civile Nazionale, impiega nella sede di Biella Toso Mariachiara (volontaria), accompagnata da Calabrò Nicolina (promotrice sociale) e Delpiano Sergio (operatore locale di progetto).

I destinatari del progetto sono le persone potenzialmente interessate alle tematiche dell’economia sociale e dello sviluppo sostenibile; ma anche disoccupati, lavoratori precari, irregolari, in mobilità o in cassa integrazione ed infine giovani, che per diverse ragioni non riescono ad inserirsi nel mondo del lavoro, ma che comunque hanno grandi potenzialità in termini di buon livello di educazione, che hanno voglia di investire nel proprio futuro e sono  interessati ad impiegarsi in questo settore del mercato lavorativo.

Le finalità del progetto.

Il progetto è catalogato tra i settori di intervento di “educazione alla pace”.

Il miglior modo per favorire la pace e le condizioni che la rendono possibile è quello di sviluppare una giustizia sociale ed economica.

La giustizia sociale ed economica che intendiamo si riferisce alla possibilità di assicurare a tutte le persone quelle condizioni materiali (possibilità di avere un lavoro o poter sviluppare un’ impresa), culturali (possibilità di accedere a tutti i gradi dell’ istruzione e formazione scolastica e universitaria) ed etiche (possibilità di vivere in un contesto regolato dal diritto) necessarie per poter sviluppare compiutamente le proprie potenzialità e costruire un progetto di vita che risponda alle proprie aspettative. A questo riguardo rimangono paradigmatiche le parole di papa Giovanni Paolo II “non c‟è pace senza giustizia”, che stanno a significare come relazioni di pace autentiche, durature e feconde possono nascere e diffondersi solo se fondate sulla giustizia economica e sociale.

L’ attuazione di un’ effettiva giustizia economica e sociale è quindi la condizione imprescindibile affinché una società possa vivere in pace, senza conflitti sociali al suo interno.

È un progetto di promozione della cosiddetta “altra economia”, o “economia sociale”, che si basa su una concezione alternativa di sviluppo, stile di vita e consumo rispetto a quella basata sull’ economia del mero profitto. Il progetto si focalizza sulle nuove forme e prassi di produzione basati sui principi della sostenibilità e solidarietà che rigettano qualsiasi forma di sfruttamento del lavoro e dell’ ambiente.

Attività correlate allo svolgimento del progetto.

Mappatura e monitoraggio delle iniziative di sviluppo sostenibile a livello biellese, attraverso un primo incontro di conoscenza delle diverse attività esistenti e poi un secondo incontro per creare un video da diffondere su www.aclibiella.com ; www.youtube.com e sulla nuova pagina facebook Acli Biella.

Raccolta sistematica di quanto produce lo Stato pubblica amministrazione, le fondazioni bancarie, gli enti autorizzati riguardo alla creazione di micro-iniziative di sviluppo sostenibile con conseguente rielaborazione e diffusione dei dati raccolti.

Organizzazione di un ciclo di incontri formativi- informativi (circa 6) con la partecipazione di testimoni credibili sulle tematiche dello sviluppo sostenibile con primo riferimento ai giovani.

Collaborazione al lavoro di socializzazione che anticipa la costituzione di una cooperativa quale contenitore a disposizione di giovani che intendano provare ad iniziare un’ attività economica.

 

 

Progetto di Servizio Civile Nazionale “Saranno Famosi”

Un breve estratto.

Il progetto di Servizio Civile Nazionale denominato “Saranno Famosi”, promosso dalle ACLI e finanziato dalla Presidenza dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, impiega nella sede di Biella Letizia Gallana (volontaria) affiancata da Nicolina Calabro (Operatrice Locale di Progetto) e da Sergio Delpiano (Tutor). I destinatari del progetto sono i Giovani, ovvero coloro che hanno età compresa tra i 15 e i 29 anni, residenti a Biella ed in Provincia. Si auspica che i beneficiari del progetto includano i componenti delle famiglie dei ragazzi, le comunità locali di riferimento, le scuole, le parrocchie e le altre organizzazioni che acconsentiranno di collaborare.

Obiettivo Generale

L’obiettivo generale del progetto è quello di migliorare la condizione giovanile, rendendo i giovani più consapevoli circa i loro diritti/doveri e più integrati e attivi nella vita pubblica, contrastare i fenomeni dilaganti della delinquenza e micro delinquenza giovanile nonché dell’emarginazione sociale dei giovani a rischio di esclusione. Ai giovani è data la possibilità di trasformarsi da utenti a protagonisti del progetto stesso, sviluppare occasioni ed opportunità di aggregazione che possano consentire il confronto, il dialogo e la crescita del senso di appartenenza ad una comunità e l’esercizio attivo di democrazia partecipativa ed assunzione di responsabilità.

Osservazioni ed azioni correlate

Per contrastare la presenza insufficiente di servizi informativi sui diritti e doveri e la scarsa informazione da parte dei giovani dei propri diritti e doveri il progetto prevede il potenziamento dei servizi di informazione sulle attività di aggregazione e partecipazione sociale dei giovani alle esperienze di democrazia deliberativa e partecipativa attraverso l’apertura di uno sportello informativo su metodi e strumenti della democrazia partecipativa, gestione dei conflitti, gestione dei beni comuni, segnalazione delle iniziative e segnalazione di buone pratiche per la promozione di forme di partecipazione.

Per osteggiare la scarsa diffusione del senso di cittadinanza attiva e responsabile nei giovani (sia essa dettata da sfiducia o da indolenza), la carenza di servizi e occasioni che favoriscano la partecipazione e l’aggregazione dei giovani, ed il fatto che poche realtà che si occupano dell’educazione alla legalità il progetto prevede il potenziamento dei servizi formativi ed educativi sui temi dell’educazione alla legalità, dei diritti e doveri di cittadinanza, al rispetto delle differenze e delle diversità , anche riferiti alla cultura del lavoro ed alle iniziative e valorizzazione delle pari opportunità e non discriminazione attraverso la realizzazione di cicli formativi quali eventi, cicli di seminari, attività nelle scuole, cineforum, incontri a tema, campi di studio.

Poiché troppo spesso quel poco che c’è non viene censito ed è poco diffuso e conosciuto, c’è poca memoria delle esperienze positive e dei loro risultati si vuole promuovere una cultura centrata sulla cittadinanza attiva, partecipata, consapevole, attraverso la creazione di banche dati dedicate ai metodi ed agli strumenti della democrazia partecipativa, all’educazione alla legalità ed al rispetto/valorizzazione delle differenze e delle pari opportunità attraverso la raccolta di materiale cartaceo o informatico. Una banca dati delle “cose buone” già realizzate sul tema della partecipazione attiva dei giovani, denominata Scrigno dei Ricordi.

Per meglio entrare in contatto con i giovani e per diffondere le iniziative in modo più efficace abbiamo creato un profilo facebook (Acli Biella) dove poter fare riferimento per i progetti e per altre iniziative.

About the Author

Sergio Delpiano

More articles from this author