Stampa

Natale e anno nuovo: unità d'intenti, partecipazione, ottimismo.

Scritto da Acli Provinciali. Postato in Pace

Quando le feste importanti si avvicinano, le feste come il Natale, la fine dell’ Anno, la Pasqua, tutti noi tendiamo a vedere ciò che ci riguarda con un occhio più disposto alla positività. Non voglio rompere le  buone abitudini, però lo stato dell’ arte del nostro Patronato, sia nazionale che provinciale, non è esattamente un bel quadro fiorito. Occorre unità di intenti e senso di partecipazione.

Così come occorre nel contempo  continuare con una serena e giusta dose di ottimismo. Che l’ ottimismo ci accompagni, coì come la buona sorte. Buon Natale e Buon 2017 a tutti voi; Buon Natale e Buon Anno nuovo a tutte le ACLI.

Gilberto Rollino, Presidente ACLI provinciali di Biella

Stampa

L'Italia dopo il referendum del 4 dicembre

Scritto da Sergio Delpiano. Postato in Notizie Acli

Il risultato del voto di domenica ha determinato la crisi di governo. Ma in questo momento l’Italia ha bisogno di chiarezza e di stabilità. Pertanto confidiamo nella saggezza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Prima del completamento della legislatura, riteniamo che alcune riforme debbano necessariamente concludere il proprio iter. Tra quelle che consideriamo più urgenti c’è la riforma della legge elettorale, primo passo per una stabilizzazione del quadro politico e per garantire alle diverse energie positive di partecipare attivamente al governo del Paese. La strada delle riforme deve continuare. Le Acli seguiranno con grande attenzione l’iter di completamento di riforme non ancora concluse: il contrasto alla povertà (in particolare il Reis, il reddito d’inclusione),

Stampa

Referendum del 4/12: un SI delle Acli per proseguire nelle riforme

Scritto da Sergio Delpiano. Postato in Istituzioni

E' questa la posizione che le Acli nazionali hanno espresso  nel testo allegato che ne spiega i motivi. La scadenza referendaria ha rappresentato per le Acli una preziosa occasione per riscoprire l’azione politica dell’associazione e l’originaria funzione formativa di movimento popolare che sin dalle origini ne ha caratterizzato l’identità. Infatti, in vista del referendum di dicembre, per promuovere una partecipazione consapevole alla vita politica del Paese, le Acli hanno scelto di intraprendere un percorso che ha coinvolto tutta la rete associativa e che ha consentito la maturazione di un pensiero diffusamente condiviso.

Stampa

Convegno Acli sulla riforma costituzionale e referendum: le ragioni del SI e del No esposte da professori universitari.

Scritto da Sergio Delpiano. Postato in Istituzioni

Le Acli Biellesi, in collegamento alla Presidenza Regionale Acli, hanno promosso lo scorso 18 luglio un incontro pubblico nella sala conferenze del Museo del Territorio a Biella con la partecipazione della professoressa Anna Mastromarino per le ragioni del SI e del professor Francesco Pallante per quelle del NO, entrambi docenti presso l’Università di Torino. Per l'accesso ai filmati dell'incontro: https://www.youtube.com/playlist?list=PLKigGy0IoTkQ1XWeGIQwn_57nVx0Z2vcL . In alleagto confronti fra i professori Carlo Fusaro per il "si" e Filippo Pizzolato per il "no" e fra i professori Roberto Bin e Luca Perfetti, recentemente pubblicati dal mensile "Aggiornamenti sociali" 

Stampa

Lavorare per la cura della casa comune: i filmati dei 6 incontri disponibili su you tube con un link

Scritto da ACLI Provinciali. Postato in Notizie Acli

lavorare per la cura della casa comune

Un progetto promosso da una rete di associazioni biellesi che vuole fare proprio l'invito di Papa Francesco, espresso nell'Enciclica Laudato Si' a "delineare dei grandi percorsi di dialogo che ci aiutino ad uscire dalla spirale di autodistruzione in cui stiamo affondando".  I filmati dei sei incontri sono a disposizione: i link per accedere ad essi tramite ypu tube sono riportati nel foglio alleagto unitamente al programma completo del percorso. L'Enciclica di Papa Francesco ha avuto il merito di porre nuovamente al centro del dibattito culturale il tema delle "emergenze ambientali", declinando in modo originale e capace di far una sintesi "alta" quanto negli ultimi anni è stato acquisito dalle scienze naturali e sociali. Nel pieghevole allegato ed a fianco a sinistra tutti gli 11 eventi del percorso.